Atletica falegnameria Guerrini

Società sportiva podistica di Borgosatollo (Brescia)

Il Cross della Vallagarina, è stato bello esserci!

gennaio 20th, 2020

di Anna Zaltieri

Gennaio è il mese del Campaccio, della Vallagarina e della Cinque Mulini, 3 campestri internazionali a cui come Atletica Falegnameria Guerrini, siamo stati e saremo orgogliosamente presenti.

Domenica 19 gennaio abbiamo sconfinato in Trentino, a Villa Lagarina, nel comune di Rovereto, per misurarci con nuovi avversari e con un percorso tecnico e mozzafiato ma in senso letterale e non paesaggistico!

La prima batteria inizia alle 11 ed abbiamo quindi tutto il tempo per ambientarci e goderci l’impatto visivo del serpentone di gara che abbarbicato su un fianco collinare è interamente visibile da qualsiasi punto per lo spettatore che voglia assistervi.

E’ chiaro che il cross sarà molto impegnativo, che le salite e gli strappi non lascino tregua lo si intuisce nel fare ricognizione, certo è che è una affascinante competizione. Siamo un bel gruppetto oggi e ci sarà da urlare a squarciagola per sostenere tutti.

Parto per prima ed essendo l’unica donna presente, ho tutta la squadra maschile che mi sostiene calorosamente. Correre competizioni così importanti per me è come essere ricevuti in udienza diciamo … dal papa.

Un rispetto religioso mi rende consapevole che sono fortunata di potermi esprimere su un campo gara con una storia ed un valore atletico di spessore. Parto quindi molto concentrata, un po’ per questo misticismo che mi sento addosso un po’ per l’ansia per le salite che mi aspettano.

Allo sparo scattano tutti come dei forsennati ed io pure, 3140 metri sono pochi e si prendono tutta la nostra velocità. Dopo qualche centinaio di metri in piano” gustiamo” i primi strappi blandi vero ma nervosi di salita, l’immissione nei filari di viti è pittoresca ma la fatica schiaccia ogni residuo di sentimento per apprezzarne la poesia.

Il primo giro breve ci lancia nei successivi due giri completi che incantevoli da spettatore, sono terribili da attore. Una salita con impennata finale mi strozza il fiato ma le gambe salgono bene, in cima alla collina e sopra i filari ancora salita che spiana per buttarci su una discesa in cui perdo terreno, troppo ripida per le mie qualità.
Di nuovo il piano e via si ricomincia.
Arrivo all’ultima discesa stravolta ma riesco ancora ad accelerare un poco per guadagnarmi il traguardo ed una bellissima prestazione.
Termino 5ª di categoria e 17° assoluta.
La continuità inizia a pagarmi.

 

Il tempo di riprendermi e volo a fare il tifo agli uomini.
Lo Zanna ha lanciato sfide a raffica, tra gli altri a Luca Pretto e Stefano Avigo che non si sono fatti scappare la ghiotta opportunità di stargli davanti ….. facendo lento come ha sottolineato l’Avigo!
Cerco di fare fotografie e video un po’ a tutti , correndo a destra e sinistra urlo tanto da farmi venire male alla gola.

Esuberante e leggero come una gazzella il nostro Noè Gabusi è in testa alla gara e duella per la 2ª piazza con Davide Fattori dell’Atletica Gavardo.
Dietro Simone Faustini della F.O.Running Team, Noè vince la sfida ed è 2° assoluto. Lui è uno di quegli atleti che dà sempre grandi soddisfazioni e lustro alla squadra, con leggiadria e senza grilli per la testa, partecipa, corre come sa, raccoglie un grande risultato e con umiltà saluta tutti e se ne torna a casa, mi auguro per lui, orgoglioso delle sue prestazioni.

E gli altri? C’erano e si battono tutti come leoni.
2° atleta della Guerrini è il piccolo Tononi, Roberto che con la solita intelligenza e nonostante una scarpa slacciata, fa una progressione e senza tirare al limite per un problema muscolare, termina 6° di categoria.
Dietro a lui il Riccio che non abituato a gare di questo lignaggio, corre comunque bene e termina 11° di categoria.
Il nostro sconfinato Presidentissimo non riesce ancora a venirne a capo, anni di black out atletico lo ancorano là dove non dovrebbe stare, con poca brillantezza termina 13° di categoria.

Poco dietro c’è un Luca che corre le campestri per spirito di squadra e per una moglie che le ama pazzamente e a cui non osa dire di no. Corre però bene ed è soddisfatto, ha inoltre scongiurato il pericolo Zanna che sfila ad un minuto da lui ma che imposta una bella gara e termina quindi molto soddisfatto di come stanno girando le gambe.
Vero che si è preso una pausa di riflessione ma nel cuore rimane un Falegname, parlo di Claudio Zambelli che come runcard, partecipa a questo cross che lo ha visto sempre presente negli anni passati e che si ripete anche per il 2020 e con un’ottima prestazione.
Corre praticamente da solo Stefano Fiorina che non concede i suoi soliti sorrisi nella campestre, soprattutto in questa che è forse la più dura con cui ci siamo misurati.

E come non terminare con i tre moschettieri della squadra, i tre che chiudono il gruppo di questi master, che sanno di stare tra atleti più veloci vero ma corrono lo stesso e ci sono, presenti, dalla griglia di partenza al traguardo.
Si sudano questa gara e come guerrieri insieme sfidano l’internazionale Villa Lagarina.
Sto parlando del pluridecorato della Joiner Cup, Giulio che conclude con grinta davanti a colui che tira le fila dei punti gara della coppa di squadra, Silvano il nostro machiavellico vice presidente.
Ultimo e servizio scopa per prenderlo un po’ in giro ma con tanta simpatia, Dario Anataloni anch’egli presente sul podio dell’ultima Joiner Cup.
Un Dario che è per tutti esempio di come dovrebbe essere vissuta la squadra, col sorriso e l’autoironia.
Bravi a tutti!

Non possiamo non accennare alle gare degli assoluti, le “Ferrari” della campestre.
In campo maschile vince con potenza Cesare Maestri dell’atletica Valli Bergamasche Leffe, segue con un’ avvincente rimonta Francesco Puppi dell’Atletica Valle Brembana, 3° Bamoussa Abdoullah dell’atletica Brugnera PN Friulintagli.

In campo femminile una rimonta emozionante quella della Ceca Stewartova Moira, 2° la kenyota dell’atletica 2005 Jerotich Lenah, 3° è Silvia Oggioni della Pro Sesto.
In questa gara abbiamo assistito ad una sfida tutta bresciana che ci ha tirato le corde vocali per il tifo forsennato che abbiamo fatto.
Silvia Casella del Free Zone ha allungato da subito lasciando uno spazio quasi incolmabile per Lia Tavelli del Lonato e Sara Bazoli del Gavardo che vicine per qualche giro si sono sgranate verso la fine con l’amica Lia in ripresa.
Sara chiude questo trio nostrano.
A loro i nostri sinceri complimenti perché hanno corso con onore e con ottimi piazzamenti in un gruppo di grande valenza atletica.

Chiudiamo questa esperienza con mani e piedi intorpiditi dal gelido vento del pomeriggio che scende dai monti circostanti la valle ma l’umore rimane invariato, positivo e caldo per le sensazioni che questa straordinaria giornata di sport ci ha regalato.