Atletica falegnameria Guerrini

Società sportiva podistica di Borgosatollo (Brescia)

Cross di Gussago, una gara per atleti tosti

dicembre 13th, 2018

di Anna Zaltieri

Domenica 9 dicembre Gussago si sveglia intirizzita da un freddo che nell’arco della giornata si attenua grazie ad un bel sole invernale che splende sopra un via vai insolito in quel del Parco Muccioli.
Atleti ed atlete di varie squadre si preparano per correre il X ° Memorial Mario Mosca.

E’ piovuto due giorni prima ma il terreno è compatto ed accompagna un bel percorso filante che impenna tra le viti per riaccompagnarci su pianura.
Molti gli atleti presenti anche se più persone mi confermano che” non amano le campestri eppure servono”. Ma come penso io? La campestre è per me divertimento allo stato puro, sofferenza pompata al massimo, è corsa in un divenire altalenante tra curve, ripartenze, salite, discese, insomma per me una vera giostra!
E nonostante i lamenti, tutti sono lì pronti sotto il gonfiabile e scattano allo sparo.

Io inizio la mia gara in sordina, è la prima campestre per me, non voglio farmi trascinare dal gruppo e scoppiare. Pian piano aumento il passo e non ce ne sono di storie, le campestri mi stanno addosso come un abito su misura. Tanto mi trovo a disagio in pista, per me che ho resistenza e muscolo più che velocità, tanto sto bene tra prati e fanga.

Corro con grinta, ebbene si me lo dico da sola, sempre in spinta vado pian piano a prendere parecchie donne che con fiato corto sono sfiancate da questi 4 km di terrore. In salita alzo la testa e non mollo di un millimetro ma spingo alla morte fino a riprendere la discesa, respiro profondo ed inizio la mia volata, accorcio le distanze con alcune avversarie e mi piazzo bene.

Il Mister mi abbraccia .. forse è più contento di me perché lui ha vissuto e vive tutti i miei momenti di sconforto e sa esattamente quanto costano i miei successi.

Marco Botta

Non è da meno però l’unica altra Gelatina presente, Roberta. Durante la gara con la coda dell’occhio l’ho tenuta d’occhio, l’ho vista piazzata bene, correre alta e convinta, nonostante i dolori che si porta addosso, nonostante qualcuno le abbia detto tempo fa che non avrebbe più corso, eccola lì che combatte per fare la sua gara.
Brava Roberta!

Anche gli uomini combattono con ardore, per loro i chilometri sono 6. Il bello delle campestri è che essendo un circuito ed essendoci più batterie si può fare il tifo ai compagni ed il tifo è importantissimo. Tiene alta l’attenzione ed aiuta a terminare l’impresa.

Me li guardo tutti, chi è più sofferente, Giulio e Tony Boy che vedo provati o Davide che corre la sua prima campestre della vita ed arriva distrutto ma che tiene il passo, Claudio che vedo convinto e motivato , Giò Juve che non so come, ride!

Ottimi i soliti forti che finiscono in premiazione. Alessandro Massardi è 11° assoluto e 2° di categoria SM40 e precede Noè Gabusi 3° delle stessa categoria. Cristian, il Presidentissimo è 5° di categoria SM45 mentre Roberto Beatini , 7° assoluto della sua batteria, è 3° di categoria SM 55.

Come sempre i complimenti vanno a tutti ed in particolare un grazie per esserci stati ed aver tenuto alto il nome della squadra.

La classifiche complete.