Atletica falegnameria Guerrini

Società sportiva podistica di Borgosatollo (Brescia)

Campaccio: il Cross!!

gennaio 7th, 2019

di Anna Zaltieri

Le trasferte si sa sono impegnative perché oltre alle levatacce, richiedono la spesa di molte energie. Il farlo o meno però dipende tutto da quanto si ama la corsa e da quanto si vuole una cosa.

Campaccio numero 62.
Solo il nome fa venire la pelle d’oca, perché è una gara storica ed internazionale. La diretta Rai per i big che vi corrono completa il quadro e sancisce l’importanza della competizione.

Arriviamo a San Giorgio su Legnano presto, sono le 7.30 appena passate e l’aria è molto frizzante ma promette un sole che scalderà con raggi primaverili l’intera giornata.

La prima operazione è quella di piazzare il nostro gazebo-monolocale ed imbandirlo al meglio con un fantastico “catering” by Luca Pretto. Oggi Luca non potrà correre ma ha fatto di meglio! Ci ha coccolato con cibo e vino in calici di vetro (mica plastica!), ed ha intrattenuto anche ospiti delle squadre amiche.

Preparato il nostro nido, ci spalmiamo in ricognizione sul circuito, siamo in 6 a correre e siamo tutti agguerriti ed elettrici al pensiero di esserci e poter battagliare. Il percorso è filante e veloce, alcuni su e giù muovono un terreno compatto e privo di insidie. La partenza e l’arrivo si svolgono in pista.
E’ senz’altro un bel colpo d’occhio, il sole che sorge accarezza i prati ed invoglia il buon umore.

I primi a correre sono Davide Serlini e Noè Gabusi, 3 giri di un circuito di 2 km circa, per un totale di poco più di 6 km.
Ho il batticuore per loro, mi immedesimo nei loro pensieri, la concentrazione in partenza, lo sparo che apre le forsennate danze degli atleti in competizione.
Cerchiamo un punto possibile per il tifo, nel gruppo di testa individuiamo Noè che corre bene, alto e convinto, dopo di lui Davide che teso come una corda di violino in pregara, sprigiona ora carattere e grinta.

Che emozione, concludono benissimo entrambi, Noè è 3° assoluto e 1° di categoria SM40 in 20:44 e Davide è 3° di categoria SM in 22:53.

Nella batteria seguente tifiamo Cristian, Claudio e lo Zanna.
Il Presidente ha riassaporato il gusto di gare importanti, partecipate, internazionali anche se i risultati non posso più essere quelli di una volta, le emozioni riaffiorano in versione amarcord, da atleta puro ha respirato per una giornata un’atmosfera in realtà mai dimenticata.

Per lui una bella gara chiusa in un tempo di 22:45, Roberto detto lo Zanna, compagno sincero e sopra le righe, anzi forse meglio dire di qualche tono ( di voce) oltre le righe, corre molto bene, in forma stampa un ottimo tempo di 23:50. Claudio chiude il trio, Claudio che ama passionalmente queste gare importanti che è sempre in prima fila quando c’è da fare trasferta, termina una bella gara in 24:15.

Tocca a me, unica donna oggi presente.
Sono concentrata come non mai, allo sparo mi isolo da tutti e regalo gomitate agli uomini che si mettono mezzo.
Non ho riferimenti oggi quindi imposto il mio passo, le gambe non sono sciolte, sento quel dolore leggero da sforzo che mi sembra impedisca un bel passo filante, il fiato è corto, difficile respirare a fondo, in realtà è perché corro in soglia tutta la gara, sulle colline accelero e sui piani soffro.

Godo di un tifo sfegatato e di incitamenti sferzanti da parte di tutti, anzi ringrazio anche il papà di Davide che propongo di eleggere “tifoso ad honorem” della Guerrini! Il Mister e Luca urlano come matti, Davide mi scatta foto a raffica, gli altri incitano.

Non posso mollare e non mi passa nemmeno nell’anticamera del cervello di farlo! Quando nel secondo giro rientriamo in pista mi violento mentalmente per aumentare, il la me lo dà Nadia Turotti della Rebo Gussago che mi sorpassa, e io che pensavo fosse davanti! Lei inizia la sua volata, io ci metto un attimo di più a realizzarla ma poi accelero e l’avvicino senza però superarla, due secondi ci separano e chapeau a lei che è una gran bella atleta!

Sono sfinita e non riesco a capire in che misura ho fatto bene, cerco le conferme dal Mister, da Luca, da Cristian, e le conferme arrivano, ho fatto una bella gara.

Conferme arrivano anche per un’amica della Guerrini che non posso non citare visto il risultato di pregio ottenuto. Lia Tavelli, nostra compagna di allenamenti, regala alla propria squadra, l’Atletica Lonato ed a se stessa un’emozionante 3° piazza assoluta oltre ad essere 2° di categoria FS 35.
Da parte della Guerrini, complimenti sinceri e calorosi per una grande ripresa!

Terminate le nostre gare, dopo esserci rilassati e rifocillati parte la diretta Rai per i big, quelli veri, gli assoluti, quelli che mangiano pane ed atletica.

Prima le donne, le assolute che volano come gazzelle, dietro il gruppo di testa c’è Sara Dossena che corre da sola e che riceve un tifo sfegatato da tutti, l’Italia che rappresenta, sembra essere tutta al Campaccio tanta è l’energia che la gente sprigiona per sostenerla. Che passo e che gambate, Sara termina 5ª in 20:24 per un circuito di circa 6 km.
1ª assoluta in 19:21 è la turca Can Yasmin, in 19:37 Ysmaw Silenat dall’Etiopia è 2ª, 3ª è la keniota Chepkemoi Caroline in 19:46.

A seguire gli uomini ed io ammetto che scalpito per Crippa, mi piace come corre questo ragazzetto ma soprattutto mi piace la grinta che ha e la convinzione che mette nelle sue gare, lui ci crede e ci prova sempre.
Attaccato al gruppo di testa per 4 giri ci fa sognare e raccoglie un tifo appassionato, il 5° giro i primi 3 alieni accelerano il passo e lo lasciano indietro.
Il nostro Yemen Crippa termina come nel 2018, 4° in 29:56 ed imposta comunque una bellissima gara.

1° uomo è l’ etiope Gebrhiwet Hagos che chiude in 29:18, segue in 29:22 Barega Selemon anch’egli etiope e 3° Chemutai Albert che dall’Uganda corre il Campaccio in 29:23.

Bene anche Daniele Meucci, l’ ingegnere, che regge il confronto con la testa del gruppo e chiude in 30:11, ottimo anche Chiappinelli Yohanes che in 30:14 scorre appena dietro Meucci. Peccato per Pietro Riva che accodato ai primi per qualche chilometro, si ferma e non termina la sua gara.

La trasferta si conclude impacchettando viveri e gazebo.
Peccato, saremmo rimasti fino a tardi per gongolarci in un’atmosfera quasi surreale. Laddove si svolgono queste gare lo sport sembra più vero, più vivo, pare di stare in un mondo parallelo ed intoccabile.
Queste sono le gare che lasciano un sapore strano in bocca, che non si sa mai dove finisce il dolce dell’esserci e dove inizia l’amaro del dover andar via.
Certo è che torneremo a parlarne mille e mille altre volte, e mille e mille altre volte il pensiero ci emozionerà.

Il prossimo appuntamento internazionale è per il 27 gennaio con la 5 Mulini che spegne ben 87 candeline: Atletica Falegnameria Guerrini presente!