Atletica falegnameria Guerrini

Società sportiva podistica di Borgosatollo (Brescia)

26° Trofeo F.G. Falegnameria Guerrini: il commento

ottobre 9th, 2018

di Anna Zaltieri

Con una concorrenza di gare non da poco, la Run for Cure, la Scorrimella, la Stramanerbio, solo per citarne alcune, domenica 7 ottobre è andato in scena il 26° Trofeo dell’ Atletica Falegnameria Guerrini.

Sgomitando tra i numeri e le presenze ci imponiamo comunque nel circo podistico e raccogliamo una più che buona adesione grazie anche all’amicizia dimostrata da alcuni gruppi del giro Hinterland .

Al buio delle 5 alcuni sparuti Falegnami rintracciano il percorso battuto dall’acqua della notte, alla stessa ora anche il Presidentissimo è già all’opera per tirare i nastri di partenza. La prima nebbia autunnale rende il buio del mattino lattiginoso e sonnolento, ma l’aria fresca rinforza l’adrenalina dell’evento.

Mentre attrezziamo il palco, sbircio il ristoro dove le Gelatine in catena di montaggio preparano le cibarie, allegre ed organizzatissime mi fanno sorridere e desiderare di essere con loro. Tra le nostre donne sbuca Severo che armeggia con esperienza con pentole e pentoloni.

Nella folla ogni tanto incrocio con lo sguardo Renato e Stefano i nostri fotografi ufficiali che occhieggiano con i loro obiettivi e immortalano alcuni momenti della giornata , smorfie e volti. Ripresi dai loro occhi artificiali anche gli atleti che arrivano alla spicciolata e che si misureranno chi con il percorso breve di 4 chilometri, chi con il lungo di 12.

I primi a partire come di consuetudine, sono i bambini che affrontano il giro del centro di 1 chilometro, una sfida impegnativa per le loro corte gambette, qualche piccolo runner non regge alla tensione scoppiando in un gran pianto. Sono gli albori di carriere podistiche che ci auguriamo abbiano un futuro! Non piangono ma si spintonano come d’abitudine, gli adulti che recalcitranti entrano nel “recinto” di partenza.

Allo sparo di Costantino, oggi particolarmente rilassato, i corridori si lanciano verso il bel percorso che tocca sia l’asfalto che lo sterrato. La corsa si snoda infatti nelle pittoresche strade di campagna di Castenedolo incorniciate da lunghe file di alberi, da fresche frasche, cespugli e scorci di terreni che stanno assumendo i colori bruciati dell’autunno. La bellezza della stagione e del contorno non risparmia però il sudore ai partecipanti.

Dopo le premiazioni dei bimbi, teniamo d’occhio il cronometro per controllare i primi atleti che tagliano il traguardo Tirati dalla fatica raggiungono il centro sportivo, dai volti mi provo ad immaginare quanto sforzo gli è costato arrivare alla fine e più la fatica è visibile più li invidio per aver corso.

Oggi però non c’è tempo per correre perchè abbiamo un compito importante, piantonare il percorso in tutta sicurezza ed accudire i nostri amici ed ospiti. Particolare attenzione va ai primi assoluti che riceveranno premi speciali.

Primo uomo è Giacomo Mora della San Rocchino che riceve da Paolo Guerrini il premio alla memoria delle sorella Emanuela, argento è Khazzar Radouane delle F.O. Running Team, 3° e bronzo è Giuseppe Bresciani dell’Atletica Gavardo 90.

Paolo Guerrini premia anche la prima donna, la velocissima Sara Bazzoli dell’Atletica Gavardo 90 seguita dalla compagna di squadra Monica Morstofolini, 3° la vorace ed onnivora Dorina Salvi del Rodengo Saiano. Con noi sul palco in rappresentanza del Comune di Borgosatollo Marco Frusca dell’Assessorato allo sport.

Unico Falegname con dispensa dagli impegni della giornata per correre e tenere la propria posizione in classifica, un ottimo Riccio che si piazza 3° di categoria H.

Si conclude così una delle tante avventure della nostra grande squadra. Una squadra fatta di uomini e donne che quando collaborano fanno sentire che il gruppo ha una voce sola e ben udibile il cui messaggio è sempre solo uno: amicizia, sport, passione.

Un messaggio che una volta all’anno è importante condividere anche con gli altri gruppo e con chi ci ha onorato della propria presenza rendendo questa una delle solite, speciali domeniche del podismo bresciano.

Corriboschi 2018 … sempre un piacere correrla!!

ottobre 1st, 2018

di Anna Zaltieri

Settembre chiude i battenti con l’VIIIª edizione della Corriboschi, gara che oltre ad essere ben partecipata è anche molto pittoresca dal punto di vista paesaggistico, Cazzago San Martino con le sue verdi colline ne è infatti la cornice.

La temperatura è perfetta per correre, fresco ma non troppo. Il fermento si percepisce a pelle, i volti di atleti veloci sono molti, i risultati che otterremo avranno un valore aggiunto visto che ci batteremo con podisti di spicco, un confronto a livelli più alti dà più sapore ai propri successi.

In 36 prodi tra Falegnami e Gelatine ci presentiamo sotto il gonfiabile di partenza, molto compressi e direi anche abbastanza indisciplinati, ci zittiamo per il minuto di silenzio in ricordo del ex presidente dell’Atletica Bedizzole, Luigi Porrini che il sabato sera si è spento a 74 anni, dopo aver vissuto una vita per l’atletica.

Dopo l’applauso, come un tappo di champagne che viene liberato, il gruppo esplode col botto, rischiamo di cadere ma manteniamo l’equilibrio cercando di liberarci il prima possibile dal budello in cui siamo stati ingabbiati e corriamo verso le dolci colline del paese.

Ribadisco la bellezza di questa gara, il percorso oltre ad essere ameno e completamente asfaltato è scorrevole, i 6 km di noi donne hanno salite morbide compensate da lunghe discese, nonostante quindi un buon dislivello la gara è abbastanza veloce. I 10 km degli uomini sono più tosti sia per i 4 chilometri in più sia per una lunga salita di quasi 1 chilometro che li mette alla prova.

Un bel duello in casa Gelatine ci diverte e tiene alta la tensione competitiva. Anna e Simona battagliano sul percorso, Simona supera Anna che reagisce in volata passando la compagna di squadra, ottengono lo stesso tempo di 23.40 ed entrambe finiscono a podio. Anna è 4° di categoria SF ed 8° assoluta e Simona 2° delle SF40 e 9° assoluta.

Io termino 10° di categoria SF40 col tempo di 26.51. Oltre al Mister che ormai è il mio angelo custode e mi controlla passo per passo, ringrazio tra tutte le voci che mi hanno tifato, Andrea Cavalli che iniziava il secondo giro ed ha trovato il fiato per incitarmi la volata. Roberta Baldini, con la solita tempra da guerriera è felice di aver corso senza problemi fisici e termina con il tempo di 31.40.

Tra gli uomini raccogliamo successi senza dimenticare che anche chi non è premiato per noi è un vincente solo per il fatto ci aver partecipato.
Passiamo ai numeri .

Primo della squadra è il redivivo Alessandro Massardi che termina 10° assoluto ed è 3° della categoria SM40 in un tempo di 34.39. Noè Gabusi è 4° della stessa categoria in un tempo di 35.22. Roberto Beatini che non smentisce la sua forma ed il suo “piè alato” è 1° della categoria SM55 col tempo di 36.14. Il goliardico Stefano “Riccio” Bertocchi è 4° di categoria SM45 e ferma il cronometro in 36.31. Roberto Tononi raccoglie con intelligenza un bel 2° posto di categoria SM35 con 37.08.

Il nostro illuminato ed illuminante Presidente soffre le salite e chiude in 37.17. Manca a questo gruppo Luca che si ferma al 6° chilometro per problemi con la famigerata bandelletta tibiale. L’ “ultraleggero“ Maurizio Turchetti passa sotto il gonfiabile in 38.35, mentre Matteo Garza più in là in 39.05.
La voce della coscienza del gruppo, lo Zanna chiude in 40.14, mentre Riccardo Mister Sorriso Bana scoppia e termina con un tempo alto per le sue gambe, 41.08.

Il riflessivo Roberto Olivetti arriva al traguardo in 41.27 mentre il pitagorico Vice Silver ferma il crono in 43.35. Il “barbetta” Ivan lo vedo passare prestante in 44.24, accodato di qualche secondo c’è Mauro Beccaris che con passo regolare arriva al traguardo in 44.37. Stefano Fiorina che ai nostri incitamenti all’arrivo risponde con un bel sorriso e chiude in 44.41.

Andrea Cavalli la voce acuta del gruppo è arruolato in 44.50, poco dopo arriva Vincenzo che con la sua corsa in costante progressione chiude in 44.54. Gianluca Alberti che mi sfila in parte con un incoraggiamento, corre in 45.21, mentre Tony Boy che alla faccia dei dei secondi che scorrono si ferma a bere, arriva al traguardo in 46.09. Più sotto nella classifica e troviamo Sergio Serana che quatto quatto chiude in 46.50.

Giulio il nostro fabbro di fiducia sfila in 47.50, mentre Dario Anataloni che becco sempre in deshabillé dopo la gara e forse lui non si è nemmeno accorto, se la corre in 47.53. Appena dietro Beppone Milani sfila in 47.57 e poco più in là Coppi e Boldori chiudono in 48.34 e 48.40.

L’ ultimo ma non meno nobile gruppo della Guerrini, è capitanato da Angelo Scaroni, l’occhio azzurro per eccellenza che termina in 50.13, mentre Bruno gli si accoda in 50.39. Enrico Gorni che al momento fa andare più la bocca che le gambe chiude in 51.05. Poco più in là Rino corre e se la ride sotto i baffi con un tempo di 53.42. Nato stoico nella sua calma, termina in 55.40 mentre Severo chiude il gruppo in 59.22.

Sara Bazzoli

Nella classifica di società maschile, grazie alla partecipazione ed al sudore di tutti siamo 3° assoluti e veniamo orgogliosamente premiati.

Non dimentichiamo per dovere di cronaca i piedi più veloci della giornata.
Tra gli uomini la spunta con un tempo stellare di 32.05, Batel Abdellatif dell’Atletica Rodengo Saiano Mico, lo segue in 32.11 Kabir Hicham dell’Atletica Valle Brembana, chiude il terzetto Amsellek Nesim dell’Atletica Chiari 1964 con il tempo di 32.26.

Il gentil sesso vede sul gradino più alto del podio Sara Bazzoli dell’Atletica Gavardo 90 in 22.05, la segue Monica Seraghiti dell’Atletica Brescia Marathon col tempo di 22.26. mentre il bronzo va a Valeria Tiburzi dell’Atletica Paratico che chiude in 22.59.

Che altro dire dopo tante parole? Solo complimenti a tutti!

Le classifiche complete.

Chiari chiude il Grand Prix OxyBurn 2018

settembre 26th, 2018

di Anna Zaltieri

Martedì 25 settembre si è corso presso lo stadio comunale di Chiari il recupero della fase 4  del Gran Prix OxyBurn. In 10 atleti della Guerrini ci presentiamo in pista per misurarci con i nostri limiti ed avversari.

Una frescura pre autunnale rende ostico il clima, non abituati ad un così repentino abbassamento di temperature tiriamo fuori dagli zaini creme riscaldanti di ogni genere e marca. C’è fervore sugli spalti, Giulio ed Antonio duelleranno in batterie diverse ma Tony Boy come vedremo, ha una marcia in più al momento.

Primo a partire è Beppone Milani che si cimenta con i terribili e temibili 800 mt ma fa bene e chiude con un tempo di 2.57.78 ed è 2° di categoria SM55.

Dopo il doppio giro di pista ci prepariamo noi donne per i 3000, in un’unica batteria siamo due gelatine, io e Simona, ognuna con obiettivi ben fissati in testa da raggiungere.
E ci riusciamo.
Simona corre leggera e verso un secondo posto di categoria SF40 e ferma il cronometro in 11.24.06.
Io corro convinta e costante e pur perdendo 4 secondi nei 2000, centro il tempo e stampo nella mia storia atletica un personale di 13.04.06.

Ansiosa di seguire i miei compagni di squadra, mi copro con una felpa e mi preparo per tifarli insieme al mister ed al babbo di Davide che ringrazio per il gran tifo.

Davide, Giulio, Bruno e Maurizio sono nel primo gruppo, allo sparo scattano in avanti.
Il nostro baldo Davide inizia solo ora a farsi le ossa e ad assaggiare cosa sia l’atletica. Ci vorranno gare, delusioni e allenamenti per portare a casa i risultati ma qualche bagliore già si vede nella sua giovane carriera.
Unico SM, chiude 4° di batteria in un ottimo tempo di 10.44.80.
Più dietro Giulio conscio di non poter attaccare Tony, prova a battere il mio tempo ma 2 secondi in avanzo lo lasciano alle mie spalle, corre con piglio in un tempo di 13.06.68.
Bruno Berta che gli sta alle costole per quasi tutta la gara, cede alla fine e conclude in 13.21.10.
Più in là Maurizio Boldori trotterella la sua gara in 13:42:72.

Nella seconda batteria ne vediamo delle belle.
Allo sparo il solito Luca in eccesso di adrenalina scatta come una tigre e da solo ben distanziato dagli altri, passa ai 200 ad un ritmo di 2.52 alchè il Mister si arrabbia e non poco ed inizia ad urlargli di darsi una calmata.
E la calmata arriva da sola, calando la velocità il nostro cavallo pazzo corre comunque bene e raccoglie un ottimo tempo di 09.50.88, è primo della categoria SM45.
Il nostro Presidente anche se non in forma corre con la solita classe in 10.17.64 ed è 2° di categoria dietro Luca.
Insieme a loro combatte Antonio che reduce dai 21 km della Darfo-Breno si difende con grinta in 12.40.16 ed è 3° della categoria SM50.

Le classifiche complete.

La nostra serata termina molto tardi, usciamo dallo stadio verso le 22.30 direzione pizzeria Bella Napoli di Chiari per rifocillarci. Abbiamo ancora addosso l’adrenalina, quella che ci fa bruciare la gola dopo lo sforzo.

Perchè come dico sempre c’è gara e gara, ma anche soddisfazioni e soddisfazioni, alcune sono così profonde perchè nascono dalla consapevolezza dei sacrifici fatti, degli allenamenti corsi in sofferenza, dei tanti rospi ingoiati.
Perchè l’atletica non è sempre festa, l’atletica non è solo mettersi le scarpe e correre.

E’ porsi degli obiettivi, è allenarsi con la testa, è capire cosa si sta facendo per arrivarci, è capire che scrivere una storia è doveroso se si vuole far parte della storia stessa.
Indipendentemente dalle proprie velocità o capacità.
I tempi non sono nulla se rimangono nell’etere.

Alla domanda: “cos’hai nei 3000?”, dobbiamo dare una risposta se pensiamo di fare atletica.
Peccato che oggi la domanda più frequente sia un superficiale : “a che passo corri?”.

Tristemente l’atletica muore, tra cardio, Garmin e tapasciate viene annientata e dimenticata.
Bistrattata da un popolo di corridori che corrono per rilassarsi o per tenersi in forma come dissi già una volta, l’atletica si deprime ed agonizza.
Ed alcuni nostalgici con essa, non trovando giovani leve a cui affidare le gioie di questo sport.

Per questo applaudo a quegli sparuti gruppi di ragazzi che la scelgono e vi si dedicano, ci vuole coraggio oggi per praticarla e tanto sacrificio.

Dalle valli alla bassa … i falegnami ci sono!!

settembre 24th, 2018

di silver

Domenica 23 settembre si è svolta in Vallecamonica la sesta edizione della “IO21ZERO97”, valida come 14ª prova del Campionato Provinciale di Società Fidal. Il percorso è oramai quello classico, con partenza da Breno e arrivo nello stadio di Darfo Boario Terme su un percorso bello e suggestivo, la maggior parte della gara si è svolta infatti sulla ciclabile che costeggia il fiume Oglio.

La corsa, che ha visto quasi mille atleti tagliare il traguardo, è stata vinta da Nadir Cavagna, dell’Atl. Valle Brembana, con il tempo di 1h04’35”, davanti a Sammy Kipngetich, dell’Atletica Salluzzo, in 1h05’58”, terzo Batel Abdellatif, dell’Atletica Rodengo Saiano, in 1h07’02”. Il campo femminile ha visto il trionfo della keniana Ivyne Lagat, del Rebo Gussago, con il tempo di 1h20’21”, davanti a Mina El Kannoussi, dell’Atletica Salluzzo, in 1h21’25” che precede di pochi secondi Sara Bazzoli, dell’Atletica Gavardo, che chiude in 1h21’34”.

Passando ai nostri falegnami, eravamo presenti in 8 e ci siamo fatti valere dando il massimo delle nostre possibilità. Il primo sul traguardo è risultato il bravo Riki Bana che si è ben difeso giungendo 87° assoluto, e 17° nella cat. SM40, in 1h22’42”, che precede di un soffio il costante Maurizio Turchetti, 94° assoluto e 14° nella cat. SM45 con il tempo di 1h23’02”. Complimenti anche agli altri magnifici 6: Roberto Olivetti, 21° SM50 in 1h30’24”, il sottoscritto, 39° SM50 in 1h37’01”, Antonio Avallone, 74° SM50 in 1h43’43”, Andrea Cavalli, 106° SM40 in 1h44’40”, Giovanni Coppi 104° SM50 in 1h49’44”, e l’unica gelatina presente, la splendida Cesi Pasquali che conquista un bellissimo 3° posto di categoria, SF55, in 1h50’39”.

La classifica completa.

Domenica si correva anche in quel di Nuvolera, con una nuova tappa del campionato Hinterland Gardesano, in programma la “5ª Camminata della Valle del Marmo e Rio Giava“, con vittorie per Giacomo Mora del San Rocchino, tra gli uomini, e di Dorina Salvi del Rodengo Saiano.

Presenti una quindicina di atleti della Falegnameria che si sono ottimamente comportati, a partire dai soliti noti Beatini Roberto e Stefano “Riccio” Bertocchi, rispettivamente secondo nella categoria I e terzo nella H. Complimenti a loro e agli altri falegnami presenti: Stefano Boglioni, Stefano Fiorina, Giulio Salvalai, Maurizio Boldori, Bruno Berta, Dario Anataloni, Luca Benedetti, Vincenzo Zanardini, Angelo Scaroni, Enrico Gorni, Rino Voltolini, Renato Scroffi, Renato Lo Cicero e Maria Sandrini.

La classifica completa.

Facendo un passo indietro, venerdì 21 settembre si è svolta a Gambara la “43ª Marcia Notturna“, da quest’anno in memoria di Guido Crotti, recentemente scomparso. La gara è stata vinta da Mauro Gibellini del San Rocchino, davanti al compagno di squadra Tosi Renato, terzo il giovanissimo Davide Vergine da poco aggregato con i nostri colori. Tra le donne il primato va a Clara Faustini del Running Team, seconda Dorina Salvi del Rodengo Saiano, terza Claudia Meloni del Running Muscoline.

Una ventina i falegnami presenti. Da segnalare, oltre l’ottima prova di Vergine, le ottime prove di Roberto Beatini, secondo nella cat. I, di Maurizio Turchetti e del presidente Cristian Tononi, rispettivamente terzo e quarto nella cat. H, e di Anna Zaltieri, unica gelatine presente, quarta nella categoria E.

La classifica completa.

Dove di corre?

settembre 21st, 2018

Venerdì 21 settembre

  • Gambara – “43ª Marcia Nottura – Trofeo Guido Crotti”, corsa podistica competitiva Hinterland Gardesano di 6 km.
    Partenza ore 19.30 presso Circolo Arci di Gambara in via Marcolini, 1
    Info: 334 9304943 (Contesini Peter)
  • Adro – “6ª Di corsa verso l’Altro”, corsa podistica non competitiva di 10 km.
    Partenza ore 19.00 presso Santuario Madonna della Neve
    Info: 392 820 4446 (Roberta Colombi)

Domenica 23 settembre

  • Breno – “VIª° IO 21zero97 – Breno-Darfo”, maratonina internazionale di 21,097 km, valida come 18ª prova del Campionato Provinciale FIDAL di Società.
    Partenze gare ore 09.30 presso Piazza Ghislandi di Breno, arrivo presso Stadio Comunale di Darfo Boario Terme.
    Info: 347 4493802 (Walter Bassi)
  • Nuvolera – “5ª Camminata della Valle del Marmo e Rio Giava”, corsa podistica competitiva Hinterland Gardesano di 10 km.
    Partenza ore 9.00 presso Trattoria Conca dei Marmi (Strada Valle di Nuvolera
    Info: 0365 651389 (Felter Costantino)
  • Toscolano Maderno – “IV Easy Trail en mes ai ulif”, Trail Provinciale di 16 km.
    Partenza ore 9.15 presso Oratorio in Via Benamatti, 104
    Info: 329 0028673 (Giuseppe Maraffa)
  • Muscoline – “Trail Cavalcata delle contrade di Muscoline”, corsa podistica competitiva Amici Torneo Podistico di 8,5 km
    Partenza ore 9.00 presso Non solo Bar in Via Paolo VI

Un lungo week end di corse!

settembre 17th, 2018

di Anna Zaltieri

Un lungo week end di corse ha impegnato i Falegnami da un capo all’altro della provincia.

Apre le danze, per dirla alla Avallone, Visano che venerdì 14 settembre ha riproposto per il 14° anno di seguito una tre giri del paese piatta totalmente asfaltata. In 15 dei nostri si sono presentati alla partenza.

Nuovamente in riserva di energia mi sono imbastita un buon progressivo ed ho avuto modo di apprezzare la scorrevolezza del percorso che rende questa gara interessante, da tenere presente anche per gli anni a venire. Dolce conclusione poi per ognuno di noi perchè le premiazioni hanno raccolto tutti i partecipanti.

Sabato 15 settembre Lonato anima la piazza del paese con l’ VIII° Miglio su strada, gara Fidal purtroppo poco partecipata, sintomo di un’atletica italiana che agonizza.

Mi pento amaramente di non aver corso, non essendo in forma ho preferito rinunciare invece la scelta giusta è di correre, sempre, soprattutto queste gare indipendentemente dal risultato che si otterrà. In 4 sparuti Falegnami ed una Gelatina si avvicendano nelle varie batterie.

Il percorso si snoda in 3 giri con discesa e salita tra le viuzze adiacenti a piazza Martiri della Libertà, per noi che incoraggiamo i nostri compagni col tifo è suggestivo vederli passare allo stremo delle proprie forze.

La star della serata è senz’altro Luca che carico come una molla precede il resto del gruppo di parecchi metri, lo vediamo arrivare nel primo giro con una velocità forsennata che scema però al termine della prestazione, sbaglia infatti tattica partendo troppo forte e rimanendo da solo, l’occasione ingolosisce Davide Fattori dell’ Atletica Gavardo che gli passa davanti ed arriva primo di categoria SM45 lasciando al nostro baldo Falegname un’ amara medaglia d’argento col tempo di 4.55.

Della stessa batteria fa parte il nostro pressurizzante Presidente che affronta un buon primo giro ma che sente la poca forma e termina 6° degli SM45 in 5.10. Claudio e Maurizio Boldori corrono carichi rispettivamente in 5.42 e 6.52. Unica donna del giro è Simona che ce la mette tutta e ferma il cronometro in 5.59, è terza di categoria SF40.

Lasciato il Miglio alle spalle, domenica 16 settembre ci presentiamo assonnati a Desenzano per il 28° Trofeo Visconti Termosanitari. gara Hinterland di quasi 9 chilometri.

Il percorso ormai lo conosciamo, è questa una gara giocata tra sterrato ed asfalto, tra salite e discese. Competizione impegnativa ma allenante, ci ha messi alla prova soprattutto nei tratti al sole che cocciuto non molla la presa di questo termine di estate regalandoci sudore e zanzare.

A premiazione Anna Sandrini che ormai sgambetta agile verso l’orizzonte è 2° nella categoria D, uno scanzonato e sorridente Roberto Beatini termina 1° nella I, mentre nella H Maurizio Turchetti giunge 4°, Maria Sandrini abbonata ormai al podio è 5° nella categoria W.

Complimenti a tutti, appuntamento alle prossime gare!

La classifica completa.

Dove andiamo a correre?

settembre 13th, 2018

Venerdì 14 settembre

  • Visano – “14ª Visano Run“, corsa podistica non competitiva di 5 km per le vie cittadine.
    Partenza ore 19.30 presso palestra di Visano
    Info: 339 4034664 (Mario) – 334 2379182 (Paolo)
  • Desenzano del Garda – “Quattro passi sotto le stelle”, corsa podistica non competitiva Hinterland Gardesano di 6 km.
    Partenza ore 19.30 presso Piazza Cappelletti
    Info: 030 999 4214
  • Prevalle – “5ª Cesare, Corri sempre con noi”, corsa podistica non competitiva di  6 km.
    Partenza ore 19.15 presso Piazza del Comune
    Info: 

Sabato 15 settembre

  • Lonato del Garda – “XVIII° Miglio su Strada di Lonato”, Corsa Regionale di Corsa su Strada di 1.609 mt.
    Partenza batterie ore 20.00 presso Piazza Martiri della Libertà
    Info: 377 2563 556 (Stefano Avigo)
  • Tremosine – “Tremosine by night”, corsa podistica non competitiva di 10 km (D+ 500mt).
    Partenza ore 20.30 presso il porto di Tremosine
    Info:

Domenica 16 settembre

  • Desenzano del Garda – “28° Trofeo Visconti Termosanitari”, corsa podistica competitiva Hinterland Gardesano di 9 km
    Partenza ore 9.00 presso Centro Visconti Termosanitari in via Adige, 22
    Info: 338 8595088 (Piero Bulgari)
  • Botticino Sera – “Mai senza l’altro run”, corsa podistica competitiva Amici Torneo Podistico di 10 km
    Partenza ore 9.30 presso Piazza IV Novembre
  • Brescia – “Quarta San Ba Run“, corsa podistica non competitiva di 7,7 km
    Partenza ore 9.30 presso quartiere San Bartolomeo a Brescia in via della Gabbiane 8
  • Brescia – “XII° Memorial Annamaria la Stella Re”, corsa podistica non competitiva di 11 e 6 km
    Partenza ore 9.00 presso Via Lazzaretto 3 (Casa di Cura Domus Salutis)

Il ruggito dei leoni

settembre 10th, 2018

di Anna Zaltieri

La 6ª edizione della corsa dei Leoni viene inaugurata dagli ultimi ruggiti di un’estate che ci riporta a soffrire il caldo ma che non scoraggia una massiccia partecipazione di atleti.

In 33 della Guerrini ci schieriamo in partenza, appiccicati gli uni agli altri iniziamo a sudare già da fermi. Allo sparo tra una gomitata e l’altra ci facciamo strada per prendere posizione mentre il serpentone di gambe e di piedi si sgrana con un trottare furioso.

Il percorso è cambiato e quest’anno conta 10 chilometri esatti che sfuggono in un su e giù impegnativo battuto tra uno sterrato piuttosto scorrevole e asfalto.

Abituati al fresco delle ultime settimane le nostre forze fanno i conti con un caldo che appesantisce le membra. Per fortuna alcuni tratti sono ombreggiati e piacevoli da correre.

In riserva di energia mi metto il cuore in pace e accompagnata dal  Mister  mi faccio un “lento molto lento”. Per fortuna qualcuno ha invece corso con grinta ed energia ed ha portato a casa soddisfazioni e premi.

Primo dei Falegnami è Luca che con un tempo di 37:34 si merita un’indigesta medaglia di legno di categoria. Segue con un tempo di 38:46 il nostro inesauribile Presidente che si sta pian piano rimettendo in forma.

Riccardo mister sorriso Bana correndo in scioltezza, ferma il crono in 38:51 mentre Roberto Tononi di ritorno da un infortunio chiude in 39:05. Roberto Crescini non splende come sempre con un tempo alto per le sue doti, termina in 41:10.

Un altro leone da combattimento, Marco Botta sta pian piano avanzando con tempi che al momento non gli rendono giustizia, chiude in  41:32. Davide Serlini, il nostro baldo giovane, sbaglia tattica e scivola sul tempo di 41:58, lo aspettiamo al varco di grandi futuri successi.

Matteo Garza si riaffaccia alle gare con cautela in un tempo di 42:06. La decima gelatina, Stefano Boglioni pensando di essere andato forte, in realtà se la prende comoda in 42:17.

Anna Sandrini brilla più che mai e festeggia il suo compleanno con l’ ottimo tempo di 42:20, è seconda di categoria SF. Arrivano con lo stesso tempo Claudio e Simona in 42:41 e la nostra scheggia può brindare alla terza piazza della categoria SF40. Roberto Olivetti di cui invidio la grande calma, se la corre in 42:48 mentre lo Zanna, tra una manata ed una complimento chiude in 43:13.

Aldo, gagliardo e sfrontato come sempre, ferma il crono in 45:01 mentre il nostro Vice Pitagorico, Silver si suda un bel 45:24. Mauro Beccaris con un grintoso occhiale da corsa ferma il suo tempo in 46:03 mentre Vincenzo come uno scoiattolo fugge via in 46:41 ed è premiato, è infatti secondo di categoria, la SM65. Il neo papà Gianluca arriva al traguardo in 47:10, segue il segretario più originale del circo del podismo, Andrea Cavalli che chiude in 48:05.

Veniamo al ballerino più dotato del pianeta, colui che incanta le donne con i suoi ancheggiamenti, Antonio Avallone, Toni Boy che stampa un ottimo tempo di 48:16. Stefano Fiorina con le sue lunghe gambe corre in 49:00, segue in 49:24 un Giulio che continua a guardarsi le spalle per paura di avvistarmi.

Maurizio Boldori arriva sotto il gonfiabile in 49:31. Sergio Serana e Cesarina Nazionale arrivano quasi appaiati rispettivamente in 50:31 e in 50.33. Speculari a Sergio e Cesi, Giò Juve e Dario che  staccano i tempi di 50:55 e 50:58.

Enrico il pistaiolo, appesantito da vizi e stravizi, si conquista un tempo di 52:34 mentre il dolce Renato arriva al traguardo in 52:57. Io me la prendo comoda in un tempo di 53:56 mentre poco più in là si affacciano Rino e Maria rispettivamente in 56:08 e 56:53. Maria chiude la sua mattinata sul podio, è 2ª di categoria SF60.

Non siamo tutti soddisfatti dei risultati ma un’altra gara è stata archiviata, altra esperienza è stata fatta. Immagazziniamo carburante per le prossime sfide con gli avversari, con i nostri limiti, con le nostre  teste e rendiamo onore alla maglia!

La classifica completa.

Da Puegnago a Navazzo

agosto 7th, 2018

di Silver

Venerdì 3 agosto, a Puegnago del Garda, si è corsa la quarta edizione del Trofeo Madonna delle Neve, una notturna di 7 km su un percorso particolarmente ondulato, con continui saliscendi.

La gara è stata vinta da Sandro Pancari dell’Atletica Pertica Bassa, davanti a Patrick Ferrari del G.P. Legnami Pellegrinelli, terzo il nostro Riki Morandini che è primo nella categoria H. In campo femminile la vittoria è andata a Monica Baccanelli dell’Europa Sporting Club, seconda Dorina Salvi dell’Atletica Rodengo Saiano, terza Roberta Illini dell’Atletica Paratico.

La categoria H è stata letteralmente fagocitata dai nostri atleti: oltre al primo posto di Riki, abbiamo il 3° di Marco Botta, il 6° di Stefano “Riccio” Bertocchi, il 9° di Maurizio Turchetti e l’11° del presidente Cristian Tononi. Da segnalare inoltre la bellissima prima piazza di Roberto Beatini nella categoria I. Una ventina i falegnami presenti.

La classifica completa.

Domenica 5 a Navazzo si è svolta la classica Diecimiglia del Garda, giunta alla 45ª edizione, una delle più longeve del panorama podistico nazionale.

Come quasi tutti gli anni si è corso in un clima torrido, sotto un sole cocente che non dava tregua agli atleti. Considerando che poi la partenza era fissata alle 10.20, e che alcune categorie dovevano corre i 10 giri del percorso, il quadretto è belle che completo.

La partenza era unica per tutti gli atleti e numero di giri del tracciato differente in funzione della categoria di appartenenza: tre giri e 4,8 km da percorrere per le categorie maschili e femminili Over 50; cinque giri e 8 km da percorrere per le donne Under 50; dieci giri e 16 km da percorrere per gli uomini under 50.

Nella gara regina dei 16 km la vittoria non è sfuggita al keniano Philemon Kipchumba dell’Atl. Recanati che ha preceduto Batel Abdellatif del Rodengo Saiano, terzo Geoffrey Chege del Run2gether. Presenti due nostri stoici atleti che si sono fatti tutti e dieci i giri in un clima africano: Maurizio Turchetti 24° assoluto, e Andrea Cavalli 50°.

Nella 8 km riservata alle donne Under 50 ha trionfato Mukandanga Clementine del Runner Team 99, davanti a Gitonga Caroline Makand del Run2gether, terza Conceicao Lopes Sonia del Boscaini Runners. Presenta una nostra rappresentante, Simona Piovani che si è ben comportata conquistando la 20ª posizione assoluta e la settima di categoria, SF40.

Nei 3 giri (4,8 km) riservato alla donne Over 50, la prima a tagliare il traguardo è stata Nives Carobbio dell’Atletica Paratico che precede Maria Grazia Roberti dell’Atletica Gavardo, terza Elisa Pellicioli dell’Atletica Lumezzane. Anche qui presenta una nostra atleta, Maria Sandrini che si piazza in 18ª posizione assoluta, e sale sul podio di categoria, 3ª nella SF60.

La batteria più numerosa era quella riservata agli uomini Over 50, anche per loro 3 giri di 4,8 km. La vittoria è andata a Claudio Amati dell’Atletica Valli Bergamasche Leffe che batte di pochi secondi Achille Carrara dell’Atletica Lumezzane, terzo Marco Premoli dell’Atletica Paratico.

Numerosa la presenza dei falegnami in questa manche. Il migliore è risultato Roby Crescini, settimo assoluto e 4° di categoria, la SM50. A seguire abbiamo Zambelli Claudio, 23°, Silvano Treccani, 36°, Stefano Fiorina, 39°, Dario Anataloni, 52°, Tony Avallone, 54°, Giulio Salvalai, 58°, Giovanni Coppi, 63°, Bruno Berta, 64°, Angelo Scaroni, 66°, Maurizio Boldori, 68°, Enrico Gorni, 74° e Severo Pozzi, 93°.

Una maiuscola prova di squadra che ci ha permesso di conquistare un bellissimo e inaspettato terzo gradino del podio nella classifica di società, dietro l’Atletica Paratico e l’Atletica Lumezzane. Complimenti ai falegnami!

La classifica completa.

Un punto di luce: la fiorentina sotto le stelle

luglio 9th, 2018

di Anna Zaltieri

Quando parlando con le altre squadre mi sento dire: “Eh ma voi della Guerrini siete davvero un bellissimo gruppo”, penso ai problemi quotidiani che toccano anche alla nostra famiglia.

Come tutti, siamo umani e ci inceppiamo, ma vuoi che abbiamo la fortuna di avere un Presidente che sente la squadra come un figlio, vuoi che chi fa parte di questo gruppo sente l’amore che c’è alla base, vuoi che la “Cupola” ai suoi tempi ha piantato radici più che solide … insomma tutto questo fa sì che l’armonia e la voglia di stare insieme abbiano sempre la meglio.

E la dimostrazione è stata la “Fiorentina sotto le stelle” di venerdì 6 luglio.

Quest’anno Sonia ha tirato le fila dell’organizzazione e bisogna proprio dirlo, in modo impeccabile. Aiutata da Maria ci hanno fatto sentire ospiti graditi e coccolati e l’unico compito che abbiamo dovuto svolgere è stato quello di mangiare, bere e divertirci.

Ciò che mi ha colpito all’arrivo è stato l’ordine della preparazione, dal gazebo in ingresso dove è stato allestito un ottimo aperitivo, all’area cottura pulita ed efficiente, alla tavolata imbandita con una precisione svizzera. Mentre nei paraggi della spillatrice, gentilmente offerta da Pecker, ci siamo sbafati l’aperitivo, i due giovani saggi, Davide e Roberto si sono prestati al ruolo di fuochisti.

E li abbiamo promossi a pieni voti visto che fiorentine e tagliata erano cotte a puntino e sono state spazzolate tra elogi e bicchieri di birra. Intorno a noi il bucolico campo di un Sig. Girelli rilassato che anche quest’anno ha presieduto la tavolata affiancato dalla moglie e dai soliti compagni di bevuta.
Con Simona prendo posto un attimo in ritardo e mi accoccolo accanto a Sonia e Cesi. Da qui non smetto di ridere fino a tarda notte.

E’ d’uopo però anche parlare di corsa con l’uno o con l’altro perchè alla fine siamo pur sempre una squadra che corre a piedi e questo sport, non dovrei nemmeno ribadirlo, è presenza perenne nelle nostre vite. Ma stasera non c’è solo questo, c’è anche il resto … ed è un resto allegro e quasi sempre dosatamente sopra le righe.

Tra Antonio Avallone, ormai per me Tony boy, che con il suo sex appeal ha trascinato Cesi in balli ed ancheggiamenti, e Maurizio Boldori che ci ha raccontato delle sue prodezze giovanili, non abbiamo avuto un attimo per respirare … saranno state forse anche le pacche sulla spalla dello Zanna a toglierci il fiato?

La lunga tavolata ha sussultato tutta la notte in un unicum di risate, battute ed ammiccamenti mentre un sottofondo musicale gentilmente offerto da Davide, ha scandito anche i balli latino americani del focoso Tony.

Ai posti d’onore la Cupola allegra e gioviale come non mai, è rimasta agganciata tutta sera al resto della tavolata anche quando un Riccio in gran forma ha imbastito una “mora” casalinga e chiassosa.

Per l’occasione ben due fotografi si sono avvicendati ad immortalare le gesta di Falegnami e Gelatine allegramente scatenati, Stefano Boglioni che ci ha fornito anche del fantastico pane e dei taralli gustosi e lo sperticato Renato che ha colto col suo mite sorriso, le espressioni e le smorfie più significative della serata. Vedere le fotogallery pubblicate qua sotto.

Come ogni anno questo punto di luce gioioso e chiassoso nelle buie campagne nostrane mi fa uno strano effetto. Come ha detto giustamente Anna S., le cose belle finiscono sempre troppo presto ma forse è proprio questa la forza della Fiorentina sotto le stelle.

Che ci siamo divertiti così tanto, che tutto è stato così naturalmente perfetto che il tempo è volato. E quando il tempo vola lascia spazio ad una punta di malinconia.

Ed è proprio sotto quel tendone illuminato che si raccoglie una sentimento strano.
Di gratitudine per chi ha pensato ad una squadra così.
Per chi c’è e si impegna per gli altri.
Per chi rinuncia ai propri spazi per noi.
Il risultato è questo, quello che il giorno dopo ti fa pensare e ricordare con un sorriso, che ti fa scrivere sui vari gruppi un grazie sentito, un grazie corale.
A tutti.