Atletica falegnameria Guerrini

Società sportiva podistica di Borgosatollo (Brescia)

La Cinque Mulini, la regina dei cross

gennaio 27th, 2020

di Anna Zaltieri

Gennaio lo chiudiamo con l’ultima delle campestri internazionali, la più antica, la più affascinante e partecipata. L’88ª edizione della Cinque Mulini è tutt’altro che un’anziana signora, lo spirito con cui è alimentata la rende una giovane viva e rampante.

Grande è l’orgoglio con cui questa manifestazione viene preparata ed il risultato è che tutto sia organizzato in modo impeccabile.

Di buon mattino ci presentiamo a due passi dal percorso con il nostro gazebo-monolocale. Oggi Davide aiutato dal Mister,ci preparerà una fantastica pasta con pomodorini, tonno rucola e pecorino per il post gara.
E’ sempre una festa per noi e per gli amici delle altre squadre quando ci muoviamo per queste trasferte, un piacevole via vai nel nostro alloggio diventa un modo per rinsaldare amicizie e trovarne di nuove e tutto neanche a dirlo all’insegna dello sport.

Ma non siamo qui solo per far festa.
Prima batteria a partire è quella dei Master SM50 e oltre, per la Guerrini presenzia Luca Pretto che nonostante il suo risaputo “disappunto” per le campestri, oggi si sente competitivo e corre con una convinzione che gli frutta la 19° piazza assoluta e l’8° di categoria.

A seguire i più giovani SM 35-40-45. Roberto Tononi è il primo dei nostri in questa batteria, corre con la solita scioltezza e termina 23° e 9° di categoria SM35.
Luigi Bresciani nonostante la febbre, corre una buona gara e termina a 4 secondi da Roberto Tononi, è 4° di categoria SM40 e 26° assoluto.
Il nostro Presidentissimo sta polleggiando su ritmi troppo blandi ed i risultati stentano ad arrivare, conclude 39° e 14° di categoria SM45.
Chiude il gruppo lo Zanna che per il proprio particolare e spinto accento bresciano, qualcuno ha scambiato per bergamasco. E’ 94° assoluto e 39° di categoria SM45.

Alle 10.30 parte la mia batteria Master femminile.
Nella call room mi imbatto in Maria Vincenza De Vitis del Montegargnano con cui chiacchiero volentieri, ci facciamo un po’ di compagnia parlando di corsa.
Quando ci schieriamo alla partenza cerco di isolarmi dal vocio e mi concentro, devo fare bene anche oggi, amo molto questa campestre.

Allo sparo ogni traccia di femminilità sparisce dal gruppo, diventiamo come un branco di lupi assetati di tempi. La velocità che tengo in partenza è molto sostenuta, percorriamo un giro di lancio ed un giro piccolo ma non vedo l’ora di imboccare il giro completo dove erba, salti e su e giù mi aspettano.
Guadagno qualche posizione e riesco a mantenerla, mi aggrappo con i chiodi delle scarpette all’ argine dell’Olona che mi accompagna per un tratto verso il mulino.

Amo correre in questa parte di gara, la trovo unica ed emozionante . In uscita dal mulino ancora l’argine del fiume e poi ancora in una cascina e via verso il traguardo, aumento ancora per evitare che qualche “collega” alle spalle mi batta in volata.
Concludo 37ª assoluta e 11ª di categoria e miglioro ancora il passo.

Prima assoluta del gruppo è uno scricciolo di donna che tra mille dubbi si è presentata alla partenza pensando di non fare una gran che bene e che quando sente lo sparo fa invece quello che meglio le riesce, correre!.
Complimenti a Lia Tavelli che nonostante tutto sta mietendo successi un po’ in ogni disciplina.

Non posso non citare anche le prestazioni di due giovani ospiti del gazebo, il futuro dell’atletica.
Tra i cadetti 8° posto assoluto per Leonardo Simoncelli del San Rocchino che vola e come primo anno tra gli allievi la 28ª piazza di Enrico Bresciani, figlio di Luigi, che corre molto bene e che si batte con onore con ragazzi più grandi di lui.

Le emozioni non finiscono con le nostre gare, vogliamo goderci anche quelle dei big, quelli che davvero volano ed emozionano.
Tra le donne ovviamente tifiamo Nadia Batocletti che provando a stare davanti al gruppo di testa per qualche minuto non può però reggere il ritmo e rimane poi indietro e fuori dal podio. Termina comunque 5ª di categoria accodata a delle vere signore della velocità.

Prima assoluta è una leggiadra ragazza del Bahrain, Yavi Winfred Mutile, 2ª è la keniota Kite Gloriah e 3ª è ancora una keniota, Jerono Jackeline.
La gara maschile è vinta in volata da Bett Leonard Kipkemoi del Kenya, seguono l’etiope Worku Tadese e di nuovo un keniota, Muema Jackson Kavesa.

Questa batteria ci appassiona particolarmente perchè mentre Yeman Crippa fatica oggi a stare attaccato ai primi e termina 6° assoluto, Cesare Maestri già vincitore domenica 19 gennaio del cross della Vallagarina, corre un’ intelligente gara in rimonta. Consapevole di non poter competere per il podio parte sornione un poco dietro e pian piano guadagna posizioni arrivando a conquistare l’8ª piazza assoluta.

Riceve un tifo sfegatato da tutti, vederlo correre con scioltezza e sicurezza ma soprattutto con la grinta di chi sa esattamente cosa fare è stato esaltante.
E di cuore gli facciamo i complimenti.
E ringraziando l’eccellente organizzazione ed accoglienza, già non vediamo l’ora di esserci anche il prossimo anno…