Atletica falegnameria Guerrini

Società sportiva podistica di Borgosatollo (Brescia)

Dove andiamo a correre

luglio 18th, 2017

Mercoledì 19 luglio

  • Serniga di Salò - “Fra stelle e lago – 2ª edizione”gara competitiva Hinterland Gardesano di 7 km.
    Partenza ore 19.50 presso Località Conventino
    Info347 2239401 (Carzeri Michele)
    2 punti Joinercup

Venerdì 21 luglio

  • Carzago della Riviera - “1°ª Trofeo A.N.D.E-”gara competitiva Hinterland Gardesano di 7 km.
    Partenza ore 19.50 presso Bar Anfora in Via Trieste
    Info347 5331919 (Quitadama Antonio)
    2 punti Joinercup

Domenica 16 luglio

  • Cavriana (Mn) - “23° Trofeo “Milva Prati”gara competitiva Hinterland Gardesano di 8,6 km.
    Partenza ore 8.50 presso Piazzale San Sebastiano
    Info340 4830485 (Cavazza Lino)
    2 punti Joinercup
  • Bagolino Bagolino Alpin Run”gara nazionale di corsa in montagna di 16 km. Fase 13 del Grand Prix Provinciale Master di Società di Corsa.
    Partenza ore 9.10 da Centro Sportivo Parco Pineta
    Info: 328 1193439 (Cristian Fusi)
    8 punti Joinercup

I magnifici sette hanno la “Gambabuna”

luglio 17th, 2017

di Silver

Gambabuna2017_partenza

Prosegue la stagione del trail e delle corse in montagna. Domenica 16 luglio si è svolta a Caino la “IIIª Gambabuna Trail“, valida come  quinta tappa del Grand Prix di Corsa in Montagna della Valle Sabbia e dell’Alto Garda 2017, oltre che Campionato Provinciale di Societa Fidal Brescia.

Giornata soleggiata, aria frizzante e temperatura non particolarmente elevata che ha reso meno duro l’aumento di difficoltà di un percorso in parte rinnovato rispetto alle precedenti edizioni: oltre dieci km tra boschi, sentieri e mulattiere, con un tratto particolarmente tecnico in discesa dove bisognava stare particolarmente attenti.

Organizzazione perfetta in tutte le sue componenti. Consegna pettorali, ristori, spogliatoi, docce e decine di volontari sul percorso affinché tutto si svolgesse nel migliore dei modi.

La gara, circa 500 atleti al via, è stata vinta dal ruandese Primien Manirafasha (Atletica Futura) con il tempo di 43’50″ che stacca di quasi un minuto il secondo classificato, Jean Baptiste Simukeka (ASD Vini Fantini), anch’egli ruandese, che chiude in 44’44″, ultimo gradino del podio per Neka Crippa (Atletica Trieste) in 48’01″ che batte in volata il bresciano Andrea Bottarelli (G.P. Pellegrinelli), 48’02″, quinto Vincenzo Persico (Atl. Valli Bergamasche Leffe) in 49’13″.

In campGambabuna2017o femminile trionfo della rumena Anna Nanu (Atetica Gabbi) con il tempo di 56’02″ che la spunta su Angela Serena (Atletica Lumezzane) in 53’32″, terza piazza per Nives Carobbio (Atletica Paratico) che ferma il cronometro a 57’42″.

Per quanto riguarda i nostri colori, sette i leoni di montagna che hanno onorato questa bellissima gara. Da incorniciare la prestazione del “Riccio” Bertocchi che chiude la sua fatica in 23ª posizione assoluta e 8° di categoria (SM40), con l’ottimo tempo di 55’30″. Da applausi anche le prestazione degli altri falegnami: Roberto Olivetti, Tony Avallone, Andrea Cavalli, Giovanni Coppi, Silver e Flavio Berardi.

La classifica completa.

In contemporanea con la gara di Caino l’hinterland gardesano era in quel di Bovegno per un’altra corsa bella tosta, la 33ª edizione della Quattro Campanili, che riservava ai podisti pochi tratti pianeggianti. Gara vinta per gli uomini da Marco Saia del G.S. Montegargnano, mentre in campo femminile il primato non è sfuggito a Sara Bazoli del Fury Hot Dog.

Sei i falegnami presenti al via:  Riki Bana, Maurizio Turchetti, Giulio Salvalai, Severo Pozzi, Renato Lo Cicero e Rino Voltolini. Compimenti a loro.

La classifica.

 

C’è gara e gara .. reprise!

luglio 14th, 2017

di Anna Zaltieri

Staffetta_cover

Un giorno scrissi:C’è gara e gara”.
Oggi lo ribadisco.

C’è gara e gara, alcune volte ci alleniamo e non “tiriamo”, altre ci imponiamo di battere il tal avversario, altre la viviamo come una scampagnata domenicale … altre invece le consumiamo al cardiopalma. Meglio dire, in questo caso, che la distruggiamo di adrenalina, di pelle d’oca, di formiche alle mani e di tensione .. e forse un poco autodistruggiamo anche noi stessi ma risorgiamo una volta compiuta l’impresa.

Ieri sera, 13 luglio, al Parco Tarello di Brescia gli atleti nostrani inscenano
un’ emozionante staffetta, a 3 per gli uomini, a 2 per le donne.

Molti gli attori della nostra squadra, cinque staffette maschili ed una femminile. L’aria che tira si potrebbe affettare con un coltello, c’è fermento e molta tensione, intercetto gli sguardi di tutti che studiano gli avversari, le loro menti iniziano a fare calcoli su possibili piazzamenti.

Io e Sonia da spettatrici abbiamo sudato con i nostri compagni di squadra, correndo da un lato all’altro del circuito per tifarli in più punti abbiamo sentito addosso l’adrenalina dell’evento.

La partenza delle donne è molto vociata, Simona è la prima staffettista. Il nervosismo pregara lo sfoga tutto in un 1500 perfetto, grintoso e cattivo, da manuale. Il cambio mi dà le scosse elettriche, gli ultimi sforzi di Simona pare che diano la spinta ad Anna che parte ed acchiappa a gamba lunga un buon 8° posto.

Quando si preparano gli uomini la tensione sale alle stelle.

Luca, Claudio, Silvano, Enrico e Stefano Boglioni si schierano col testimone stretto in mano. Lo sparo è come una carica a molla.

Impressionante la partenza e la tenuta di Luca che scatta con una velocità ed uno slancio da tigre. Dopo averlo tanto preso in giro per il teatrino di Serle bisogna ammettere che ieri è stato senz’altro all’altezza dei compagni Cristian ed Alessandro, ormai navigati staffettisti.

Porta infatti a termine il suo 1500 consegnando un testimone incandescente al Presidente che non lo lascia raffreddare ma lo tiene in temperatura per un Massardi da copertina.

Anche Massimo, Roberto Olivetti e Beppe strapazzano il terreno e i battiti del cuore per lasciare agli ultimi frazionisti un’eredità pesante. Tagliano il traguardo al limite delle proprie risorse energetiche, concludendo questa avventura, Giulio, uno Stefano Fiorina per una volta meno sorridente, Sergio ed un Roberto Crescini che digrignando i denti batte in volata un avversario guadagnandosi così il nostro entusiasmo.

Per dovere di cronaca veniamo ai vincitori.

Prime donne sono Laura Avigo e Lia Tavelli della Atletica Lonato-Lem, 2° Laura Ghidoni e Martina Barbieri dell’Atletica Rodengo Saiano, 3° Monica Seraghiti e Loretta Catarina del Brescia Marathon.

StaffettaDegli uomini under 50, Alberto Cavagnini, Marco Manini e Ez Zaki Ismail del San Rocchino precedono l’Atletica Rodengo Saiano composta da Matteo Rosa, Davide Scattoli ed Enrico Vecchi, terzi sono Sejdani Mahadi Amen, Davide Bottarelli e Riffi Sami del Vighenzi Padenghe.

Terzi della loro categoria i fulmini della squadra Luca, Cristian ed Alessandro.

Gli uomini OVER 50 vedono in 2ª posizione i temerari Claudio, Massimo e Roby Crescini, mentre in 3° il nostro “mago dei punti joiner” Silvano con Roberto Olivetti e Stefano Fiorina.

Non potrei a parole rendere l’idea di quanto avrei voluto poter correre questa staffetta, ma devo ammettere che anche guardarla ha appassionato ogni cellula del mio corpo.

Ieri non ho assistito solo ad una gara, ieri è andata in scena l’Atletica.

Ieri i corpi dei podisti hanno sfidato il vento ed i propri limiti. In particolare gli assoluti che lavorano di pista, hanno dato spettacolo perchè agili nei cambi e nella sofferenza. Ho ancora negli occhi alcuni sorpassi a denti stretti, sudati oltre il limite di se stessi.

Se la corsa è uno sport individuale, la staffetta non lo è più ma diventa un vero e proprio gioco di squadra. E la responsabilità è doppia.

E con tutte queste emozioni ci diamo appuntamento al prossimo anno.

Breve storia di un mercoledì di mezza estate

luglio 13th, 2017

di Anna Zaltieri

Composite image of close up of sportsman legs running

Le settimane cavalcano l’estate e la scorrono velocemente mentre i podisti galoppano da una gara all’altra. A vedere bene non c’è tregua per le nostre povere gambe e noi, non facciamo molto per riposarle…anzi.

Mercoledì 12 luglio a stancarci le membra ci pensano i 3000 in pista a Serle Alta valida come 6ª prova Campionato Golden Cup 2017.

Un nutrito gruppo di Falegnami sgambetta con il solito spirito goliardico che effonde buonumore oltre ad un continuo ed alquanto rumoroso chiacchiericcio.

Anche le batterie sono numerose, come uno sciame d’api gli atleti affrontano gli anelli sostenuti da tifo ed incitamenti. Ognuno fa la sua parte come da copione ma qualcuno osa una variazione sul tema che non piace molto al nostro Presidente.

Ed è così che un coraggioso quanto temerario Luca Pretto quasi inconsapevolmente, inscena un teatrino che anima uno stadio di incitamenti tra i nostri prodi. Lasciando correre la gamba Luca sorpassa Cristian che pungolato nell’orgoglio di super atleta reagisce con astuzia. La “faina” attende, aumenta il passo e schiocca una volata frustrando le orecchie al malcapitato podista. Povero Giulio, sperava di schiacciare il nostro numero uno con le gambe del Pretto, invece…

Ricacciati tutti nei ranghi, ci approssimiamo al podio dove la stoica Agnese snocciola nomi e piazzamenti.

A premiazioni i nostri duellanti Cristian e Luca rispettivamente 4° e 5° di categoria, la H. Jenny si guadagna una 3° posizione tra le giovani C.

La serata si spegne, come sempre, integrando sali minerali ed allegria con una birra .. o anche due.

Rodengo chiama, Sabbio risponde!

luglio 11th, 2017

di Anna Zaltieri

Partenza_Rodengo

 

Nonostante in Pianura Padana il caldo impazzi e faccia impazzire, il podista bresciano non molla la presa e si ostina convinto, a sudare per i percorsi delle gare dell’Hinterland Gardesano. Oltre alla radicata ed inestirpabile voglia di correre gioca un ruolo importante anche una dose di complicità, rivalità ed agonismo che va assolutamente messa a tacere e come farlo se non sfogandola?

Ed è così che nella bollente serata di venerdì 7 luglio, ci ritroviamo tutti in quel di Rodengo Saiano per rendere onore alla 1ª Corsa a Rodengo. Una prima edizione organizzata dal G.P. Collio Vallesabbia (un po’ lontano da casa) che va promosso per il bel percorso pianeggiante snodato tra le vie del paese e su uno sterrato fiancheggiato da frutteti di ogni tipo.

Con Sonia e, in questo caso bisogna proprio dirlo, con il redivivo Maurizio Boldori possiamo incitare con un tifo vivace gli atleti frustati dal gran caldo. Il nostro vociare impenna al passaggio dei compagni di squadra che battagliano per tagliare il traguardo.

La conclusione sfuma sul podio con le premiazioni. Tra i P1, il piccolo podista Renato Lo Fede segue le orme del nonno Severo e sfida l’afa, è 4° di categoria.

Tra le donne Simona è un’ottima 3ª di categoria E, la ragazza ha riavviato il suo rombante motore da fuoriclasse. Unica altra donna in corsa è Roberta che segue in 7ª posizione.

Tra gli H, 5° e 6° sono Luca e Riccardo Morandini. Un buon gruppetto di Falegnami segue in sordina ma non per questo fa meno rumore, il numero, la presenza parlano sempre nella squadra.

Sabbio_partenza_1

E la squadra si fa sentire anche domenica 9 luglio a Sabbio Chiese alla 42ª Vesela Castignico. Un’altra rovente giornata aspetta i nostri eroi in quel della Val Sabbia.

Il percorso è godibile e per lunghi tratti ombreggiato dalle frasche e dalle fronde del bosco. Laddove batte il sole, il fiume Chiese rende una lieve ma impercettibile frescura. Il saliscendi è impegnativo e termina in piano portando le gambe a spingere in grande affanno l’ultimo chilometro strapazzato dal solleone.

La canicola che ci accompagna anche durante le premiazioni, non intimidisce il combattivo Renato Lo Fede che sale sul podio in 3ª piazza tra i P1. Unica donna presente è Maria che si sa, ama queste gare un po’ montanare e che termina 6ª di categoria.

Negli H, il superman della squadra, il nostro Presidente è 4° di categoria ed è seguito in 8° posizione da Luca ormai a suo agio sotto i riflettori. Gli altri sono giù dal podio ma ben presenti.

Un incitamento noi camminatori l’abbiamo dato a tutti, a Roberto Tononi che ha nel sangue la velocità di famiglia, al buon Riccio in preda ai crampi, a Mister Sorriso Bana che brontola la sua fatica, ad un furbetto ed accaldato Giulio che arriva al traguardo quasi “in seduta”. E tanto tifo anche per tutti gli altri, ad Andrea, Angelo, Antonio, Giovanni, Ivan, Renato, Rino, Severo . ..che guai se non ci fossero!

E non dimentichiamoci dei camminatori, Paolo lo sponsor, Vincenzo e Silvio. Augurandomi anche per loro che la calura dia un poco di tregua, passo e chiudo fino alla prossima avventura.

Quattro passi con LILT: quando la corsa è prevenzione

luglio 6th, 2017

di silver

Running in the country
Leno (Brescia) – Il nostro stile di vita oggigiorno
 è sempre più caratterizzato da un continuo aumento della sedentarietà, spesso dovuta a tutti quegli impegni che ci impediscono di dedicare anche una piccola parte della giornata all’attività fisica. Fare pochi esercizi quotidiani -come una camminata o una breve corsa-, dunque, è forse il miglior strumento di prevenzione che ognuno di noi ha a disposizione.

Al fine di promuovere l’attività fisica proprio come metodo di prevenzione, domenica 9 luglio nell’ambito della quindicesima edizione della Fiera di San Benedetto, la LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – Delegazione di Leno), con il patrocinio della UISP-Sport per Tutti di Brescia, organizza la camminata “Quattro passi con… LILT”, con partenza alle ore 9.00 presso Villa Badia, in Via Marconi.

Manifestazione aperta a tutti, i partecipanti potranno scegliere se partecipare alla corsa (12 km), oppure alla camminata (di 5 km). Le iscrizioni potranno essere effettuate il giorno stesso dell’evento, dalle ore 7.30 alle 8.30 presso Villa Badia; per chi lo desiderasse sarà inoltre possibile pre-iscriversi presso la piscina comunale di Leno secondo i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 12.00 alle 19.00 e il sabato e la domenica dalle 9.00 alle 12.00.

Per l’iscrizione alla gara è richiesto ai partecipanti un contributo di euro 5,00 (con maglietta garantita per i primi 500 iscritti), mentre la partecipazione dei bambini fino ai 12 anni è gratuita. La manifestazione sarà coperta da assicurazione e sarà presente sul posto un’ambulanza per l’assistenza di primo soccorso in caso di necessità. I primi cinque gruppi più numerosi saranno premiati con cesti gastronomici.

Al termine della manifestazione, tutti i partecipanti potranno pranzare presso il punto ristoro con cucina gastronomica, spiedo e zuppa di pesce al prezzo di 9 euro (comprensivo di primo, secondo e acqua).

Nel corso della giornata, dalle ore 8.30 alle ore alle ore 12.30, la LILT sarà anche a disposizione con medici e infermieri per le tradizionali visite mediche gratuite per la prevenzione dei tumori. Nel pomeriggio, dalle ore 18.00 verranno presentati gli esiti della campagna scavi archeologici 2017, con visita guidata sul posto.

La sera, dalle ore 21.15, il Corpo Musicale Lenese “V. Capirola”, in collaborazione con l’Associazione Teatrale “CaraMella” e l’Associazione “Espressioni Corporee” di Leno attende tutti per il grande concerto-musical “Romeo e Giulietta”.

Per informazioni: tel. 331 6415475 – 030 9038463 – 333 6662609

Dove corriamo?

luglio 5th, 2017

Venerdì 14 luglio

  • Isorella - “2ª Corsa dello sportivo di Isorella”gara competitiva Hinterland Gardesano di 7 km.
    Partenza ore 8.50 presso Centro Sportivo di Isorella
    Info338 1255985 (Busseni Angela)
    2 punti Joinercup

Domenica 16 luglio

  • Bovegno - “33ª edizione della 4 campanili”gara competitiva Hinterland Gardesano di 9 km.
    Partenza ore 8.50 presso Piazza di Bovegno
    Info392 9199670 (Matteo)
    2 punti Joinercup
  • Caino IIIª Gambabuna Trail”corsa in montagna regionale di 10 km. Fase 14 del Grand Prix Provinciale Master di Società di Corsa.
    Partenza ore 9.30 da Centro Sportivo di Via Rabile
    Info: 335 1524193 (Paolo Salvatori)
    8 punti Joinercup

Giro Podistico di Serle Alta

luglio 4th, 2017

di Jenny

Partenza_Serle_2017

Nella giornata di domenica 2 luglio, oltre alla già ben descritta Tre Campanili, si è svolto il giro podistico di Serle Alta. Nella stessa sede che ha ospitato in questa occasione la partenza e l’arrivo, ovvero la pista di Serle, la settimana prossima ci sfideremo nel secondo 3.000 della stagione hinterland.

Molti sono i grigi che si sono presentati per muoversi sull’impegnativo cammino che Serle ci propone. La gara infatti si svolge tra percorsi faticosamente percorribili su un tratto di quasi 9 km.

La via si apre con l’espugnazione di una cava, dopo varie salite arriviamo a un lungo falso piano sterrato che ci permette di tirare il fiato. Poi il percorso prende piede lungo la salita asfaltata verso Tesio, gli appassionati di salite qua possono dare il meglio di sé. Una volta conquistata la vetta un falso piano, sempre asfaltato, ci permette di rimirare il lago sullo sfondo del bel paese montano. Poi ci si appresta finalmente a riposare il fiato in discesa fino a percorrere un sentiero sterrato tecnico che ci riporta alla pista, dove, dopo aver percorso l’anello di pista, ci aspetta l’agognato traguardo.

Serle2017Gara organizzata magistralmente dall’U.S. Serle che, sia sul percorso sia per il ristoro che per le premiazioni, ha dimostrato grande attenzione affinché tutto andasse per il meglio. Questo è confermato dal fatto che la pista, dovendo ospitare la gara hinterland, è stata di recente asfaltata e verniciata.

Leggiamo allora la classifica e congratuliamoci con i piccolissimi La Fede Renato e Botta Leonardo, sempre presenti, che strappano un sesto e un nono posto nella categoria P1.

I nostri complimenti vanno anche a Tononi Roberto che conquista il sesto posto nella G, seguito da Riccardo Bana all’ottavo. Nella H un bel gruppo di falegnami capeggiato da Tononi Cristian,  seguito dal fedele gregario Pretto Luca e da Turchetti Maurizio, strappa le posizioni che vanno dalla quinta alla settima.

Passando alle gelatine, Sandrini Anna arriva seconda della propria categoria, la D, mentre Maria, in ripresa dall’infortunio, giunge quinta della W ela sottoscritta seconda della C.

La classifica completa.

Il Kenia corre anche in montagna

luglio 3rd, 2017

di Silver

Tre-Campanili_Falegnami

Doppietta keniana all’undicesima edizione della Tre Campanili Half Marathon, una delle più conosciute 21 km offroad di tutta Italia che si è tenuta domenica 2 luglio a Vestone, comune valsabbino di origine preromana. Gara valida come  quarta tappa del Grand Prix di Corsa in Montagna della Valle Sabbia e dell’Alto Garda 2017, oltre che Campionato Provinciale di Societa Fidal Brescia.

La manifestazione è stata una vera festa di sport con quasi mille runners iscritti, provenienti da tutta Italia e anche dall’estero, tra i quali facevano bella mostra di se cinque prodi falegnami. Un intero paese, Vestone, pronto a tifare e sostenere i tanti partecipanti.

A conquistare per la seconda volta consecutiva il successo è stato il keniano Paul Kariuki Mwagi che ha tagliato il traguardo in 1h26’26” dopo essere stato in testa praticamente fin dalle prime battute iniziali. Al secondo posto uno specialista delle corse in montagna, l’azzurro Nekagenet Crippa (Trieste Atletica) che in passato è stato anche vicecampione del mondo junior di corsa in montagna, che taglia il traguiardo in 1h27’07”, medaglia di bronzo per Paolo Gallo (G.s. Orobie) specialista sia nelle gare su strada che tra i sentieri di montagna che chiude la sua gara appena dietro in 1h27’17”.

Tre-Campanili-Half-Marathon_arrivoQuarta posizione per il campione del mondo di corsa in montagna lunghe distanze, Alessandro Rambaldini (Atl. Valli Bergamasche), molto applaudito dal pubblico di Vestone, che ferma il cronometro a 1h27’39″. Come applauditissimo, sia alla partenza che all’arrivo, è stato il tre volte campione del mondo di ultramaratona 100km Giorgio Calcaterrra che per la quinta volta consecutiva non è voluto mancare a questa gara vestonese e che ha chiuso la sua fatica in 1h36’33″.

Kenia sugli scudi anche in campo femminile con il trionfo di Lucy Liavoga in 1h39’56” che ha preceduto l’atleta laziale dell’Asd Runner’s Academy Eleonora Bazzoni, seconda in 1h43’32”. Terzo gradino del podio rosa l’altra keniana Pauline Eapan, che ha terminato in 1h46’29″.

Come dicevamo, cinque i falegnami presenti al via che si sono battuti al meglio delle proprie possibilità in questa corsa che definire dura è dire un eufemismo. Il migliore è stato Olivetti Roberto, 35° nelle cat, SM50 in 2h07’58″, abbiamo poi Stefano Boglioni, 45° cat. SM35 in 2h12’53″, il sottoscritto, 55° cat. SM50 in 2h15’32″, Tony Avallone, 82° cat. SM50 in 2h24’36″, e Flavio Berardi 123 cat. SM50 in 2h56’55″.
Lodi e applausi ai nostro eroi delle montagne.

La classifica completa.

Una lunga settimana di corsa!

giugno 26th, 2017

di Jenny

PartenzaPaitone2017

Settimane cariche di impegni sono quelle che caratterizzano le ultime lune, ma la Falegnameria sfoggia suoi fedeli rappresentanti ovunque, e in ogni dove raccoglie premi e medaglie.

Partiamo raccontando le prodezze della quarta tappa del Grand Prix Oxy Burn su pista, questa avrebbe dovuto svolgersi mercoledì 14 giugno, ma il maltempo ha tentato di dissuaserci dal correre sulla blu. Ma non sa quanto sono testardi i corridori, ha solo rimandato la nostra prestazione. Ci siamo quindi trovati a Salò giovedì 22 per percorrere la gara più bella che la pista possa offrire, i 1500 mt.

Qui troviamo dei buonissimi risultati, tra cui Pretto Luca (4:39) che, insieme a molti premi ora può conservare la sua prima medaglia dorata per aver vinto nella propria categoria, gli SM45. Ottima prestazione anche per Olivetti Roberto, che alla prima uscita sulla distanza chiude in 5:07.

La sera seguente (venerdì 23) ci ritroviamo in quei di Paitone per un’allegra corsetta in compagnia, anche qui i falegnami fanno sentire la propria voce. Un soave Roberto Tononi si aggiudica la quarta posizione nella cat. G, nonostante sia frenato in discesa dalla schiena.

Riccardo Morandini, amante delle salite, conquista il primo posto della categoria H dove è accompagnato dal nostro Riccio. Quest’ultimo, appena ripresosi dalla fatica di aver tirato la gara alle nostre care ragazze Roby e Anna la domenica precedente in quel di Castrezzato, arriva quarto davanti all’amato presidente, in ripresa dall’infortunio.

Nella categoria “Invecchiare-bene” (la I), ci sono gli inossidabili Massimo, Claudio e Silver rispettivamente undicesimo, tredicesimo e quattordicesimo. Infine la sottoscritta conquista il terzo gradino del podio nella C.

La classifica completa.

FalegnamiCiliverghePassiamo infine alle bravure della domenica appena trascorsa, dove il gruppo di falegnami si divide in due per presenziare a entrambe le gare del bresciano.

All’ottavo giro panoramico di Bione, valevole come quinta prova Golden Cup Hinterland Gardesano, Tononi junior espugna il posto più basso del podio della categoria G, mentre prediletto Riccio raggiunge il secondo posto della H, nonostante abbia sbagliato percorso allungandolo un po’, complice anche il tempo tempestoso, di poco aiuto per le corse in montagna.

La classifica completa.

Un ben noto gruppetto di Falegnami ha invece  preferito le calde campagne di Ciliverghe, qui le gelatine hanno mostrato quanto valgono, infatti Simona arriva quarta donna assoluta, seguita al nono posto dall’atletica Roberta. Unico uomo premiato è Marco Botta che arriva terzo tra gli alpini presenti.

Bravi falegnami, continuiamo a essere presenti perché l’unione fa la forza!

Castrezzato si merita di più!!

giugno 19th, 2017

di Jenny Rizzola

Gelatine_Castrezzato

Nella mattinata di domenica 18 giugno ci siamo trovati nella tranquilla cittadina di Castrezzato per la 20ª edizione di “2 passi per Castrezzato”. Ebbene sì, i passi erano proprio due, per gli uomini poco più di 7 km, mentre per il gentil sesso un percorso di soli 4 km ci conduce nelle campagne della bassa e nei famosi campi di golf dove correvamo sotto gli occhi strabuzzati dei giocatori.

Il sole ci accompagna fedele nei campi ma senza disturbare le brave formichine che fin dal primo mattino cicalecciano nella piazza antistante l’oratorio.

Già durante il riscaldamento la sensazione era di trovarsi in una marea grigia, ovunque gli occhi si dirigessero ciò che trovavano erano maglie grigio-arancio. Così infatti è stato in premiazione dato che moltissimi dei nostri sono stati premiati.

Il primo tra i falegnami è stato Pretto Luca che chiude terzo degli SM45, inseguito dai Tononi in ordine Roberto e Cristian, rispettivamente sesto degli SM e quarto degli SM45 e da Turchetti quinto degli SM45.

Poco dopo taglia il traguardo Matteo Garza, sesto degli SM35. Dalla posizione 42esima assoluta alla 60esima praticamente uno dietro l’altro infilano il traguardo Fiorina, Aldo, Claudio, Massimo, Gianluca e Silvano.

Così come attorno alla centesima posizione troviamo un altro bel gruppetto di falegnami : Sergio, Dario, Tony, Enrico, Andrea, Giovanni, Bruno, Renato, Maurizio, Flavio, Luca, Rino e Nato.

Falegnami_CastrezzatoTra le sei rose presenti troviamo la neosposina Anna S. in splendida ripresa. quarta delle SF, seguita dalla nostra prof. preferita che incornicia il podio delle SF40 dove, al quinto posto troviamo anche l’amata Princi. Quarta della SF45 la nostra nuova montagnina Roberta, mentre la Cesarina nazionale anima il podio SF50 con seconda posizione.

Spendiamo due parole per le splendide prestazioni di squadra dove conquistiamo la seconda posizione, dietro il Rebo Gussago, sia in campo femminile che nel maschile, in questa gara Fidal valevole per il campionato master CDS.

È però un peccato che una gara così ben organizzata e con un ristoro finale così ricco sia purtroppo poco partecipata!

La classifica completa.

I falegnami sugli scudi al Trofeo Avis di Brescia

giugno 12th, 2017

di Silver

Cesi_Roby_Brescia

Domenica 11 giugno si è svolto a Brescia l’8° Trofeo Avis Provinciale Brescia, valido per il Campionato Hinterland Gardesano. Dopo alcuni giorni con temperature gradevoli, non particolarmente elevate, che invogliavano a correre, ieri mattina il caldo e l’afa si sono fatti sentire e hanno messo a dura prova il fiato e le energie degli atleti.

Splendida la prestazione dei nostri portacolori che si sono portati a casa due belle vittorie di categoria: Crescini Roberto, il Raffaello della corsa, nella categoria I, e l’indomita Cesi Pasquali nella N.

Tra gli altri, buona la prestazione della rientrante Simona Piovani, già in ottima forma, appena giù dal podio, quarta piazza, nella categoria E. Podio che non sfugge a Luca Pretto, sempre più convinto e convincente, terzo nella H, mentre al quinto posto nella G troviamo Roberto Tononi, che tiene alta la bandiera di famiglia in attesa del rientro dell’infortunato Presidente.

Complimenti a loro a egli altri falegnami presenti: Riki Bana, Gianluca, Roby Zanardini, Aldo, Roberto Olivetti, Claudio, Giulio, Sergio Serana, Giovanni Coppi, Tony, Bruno, Flavio, Renato Lo Cicero, Severo e Anna Z.

Per la cronaca, la gara è stata vinta da Bresciani Giuseppe dell’Atletica Gavardo ’90, che precede un altro Bresciani, Luigi, della Straleno, terzo Gavazzi Paolo dell’Atletica Poncarale. Trionfo dell’Atletica Gavardo anche in campo femminile con la vittoria di Monica Morstofolini, davanti alla compagna di squadra Angela Girelli, terza Salvi Dorina del Rodengo Saiano.

La classifica completa

—————————————————————————————–

Per noi falegnami le avvisaglie si erano già viste venerdì 9 giugno a Lonato, dove era di scena il 2° Trofeo La Cavallina, sempre gara hinterland, con Bertocchi Stefano e Pretto Luca che facevano fuoco e fiamme giungendo rispettivamente 4° e 6° assoluti, secondo e terzo nella cat. H, dietro solamente a Marco Saia, primo sul traguardo, del G.S. Montegargnano, Savoldi Alex e Bettini Nicola, con quinto Alghisi Davide.

Tra le donne la vittoria non è sfuggita a Bonassi Cristiana dell’Arieni Team, reduce dalle belle prestazioni del giro podistico dell’Isola d’Elba (terza assoluta), seconda Roberti Maria Grazia dell’Atletica Gavardo ’90, anch’essa reduce dall’Elba, terza la sempiterna Salvi Dorina del Rodengo Saiano.

A parte i due big sopracitati, numerosi i falegnami presenti a Lonato: Alberti Gianluca, Botta Marco, Andrea Cavalli, Claudio Zambelli, il sottoscritto, Stefano Fiorina, Giulio Salvalai, Luca Benedetti, Bruno Berta, Enrico Gorni, Severo Pozzi, Rino Voltolini, Roberta Baldini, Anna Z., Cesi Pasquali, il Presidente in veste di fotografo, i camminatori Paolo Guerrini e Vincenzo Zanardini e i piccoli Renato La Fede e Leonardo Botta.

La classifica completa.

Atletica falegnameria Guerrini

Società sportiva podistica di Borgosatollo (Brescia)